A Roma : buco all’orecchio o piercing? Cosa scegliere

19 Ottobre 2020Category : News

La foratura del lobo, o “buco all’orecchio” , è una delle più antiche pratiche di decorazione corporea con monili.
Ne esistono testimonianze ancestrali, ma, limitandoci agli ultimi decenni, possiamo senz’altro affermare che sia stato e sia ancora il “buco” più richiesto per donne e uomini di tutte le età.
E’ sicuramente il primo foro che desiderano i giovanissimi.
Molto spesso questa pratica, non priva di rischi, viene effettuata in luoghi come farmacie, gioiellerie o profumerie.

Ricordiamo che gli unici centri autorizzati per l’esecuzione di piercing in sicurezza, incluso quello al lobo, sono gli studi di tatuaggio e piercing muniti di autorizzazione scia o asl e in cui gli esecutori abbiano conseguito il relativo attestato nei corsi professionali organizzati dalle varie Regioni.
Spesso, le gioiellerie o farmacie utilizzano la pistola fora-lobi , che ha questo nome proprio perchè va utilizzata esclusivamente per bucare il lobo dell’orecchio; viene invece molto spesso impropriamente usata per praticare fori in altre zone del corpo causando problematiche a volte molto serie e gravi.
Anche nel corso della foratura dell’orecchio con questi strumenti , che non vengono utilizzati dai professionisti del settore, possono insorgere diversi problemi non essendo spesso pistole monouso: si possono trasmettere malattie infettive ed i metalli utilizzati non sempre sono conformi alle normative europee di riferimento UNI EN 1811:2011.
Gli studi professionali utilizzano perlopiù acciaio chirurgico, bioplastica o titanio , mentre in altri luoghi si utilizza spesso l’oro o leghe con oro o placcature, che non sono contrariamente alla credenza comune , materiali bio compatibili e conformi alle predette normative in merito ai limiti di contenuto di nichel.
Molto spesso ci si rivolge al gioielliere per ottenere degli orecchini più preziosi o esteticamente più belli, ma ora, con le nuove tendenze dei piercing gioiello si riescono ad unire ai materiali sicuri, forme molto eleganti e di tendenza,accontentando tutti i gusti .
Al TRIBAL TATTOO STUDIO di Roma, Marco Manzo è un’istituzione nel campo dei piercing praticandoli da oltre 30 anni ed è stato uno dei primi a portare in Italia questa pratiche nella massima sicurezza: al tempo in cui era di uso comune il cosiddetto “ago americano”, non usa e getta, Marco Manzo è stato un pioniere nell’uso dell’ago cannula sterile e monouso, discostandosi dalle tecniche in uso in precedenza.
Anche per questo motivo, ha avuto la prima cattedra in Italia nei corsi professionali obbligatori richiesti dal Ministero della Sanità con le linee guida del 1998  in materia di Tecnica di Tatuaggio e Piercing ed igiene e sicurezza sul lavoro.
Il prezzo di un piercing in sicurezza, può variare dai 25 euro per il lobo dell’orecchio fino ad un massimo di 70 euro per un microdermal .

I piercing gioiello disponibili al TRIBAL TATTOO hanno un prezzo che varia dai 10 ai 70 euro.
Si riceve solo su appuntamento , ed in questa fase di emergenza covid è consentito l’accompagnatore solo nel caso di minorenni o disabili.
Molti genitori portano i loro figli da noi per il primo piercing fidandosi dei nostri elevatissimi standard di sicurezza: tutto il materiale sterile  viene scartato davanti al cliente, la sala dove si esegue la procedura è sanificata dopo ogni cliente, è presente uno sterilizzatore d’aria ed il ricambio d’aria è filtrato al 96%con vaschette igienizzanti.
A tutti i clienti viene misurata la temperatura, vengono igienizzate le scarpe , le mani e tutti gli oggetti personali o indumenti vengono messi dentro una busta usa e getta e forniamo una mascherina certificata.
Tutti i clienti vengono informati sui rischi e gli viene fornita un’informativa da firmare per accettazione.
I minorenni devono essere autorizzati per iscritto sul posto da uno dei genitori, ed entrambi devono essere muniti di documento di identità.
I piercing più richiesto all’orecchio, altre al lobo, sono l’helix, il tragus , l’antihelix, lo shell.
IN altre zone del corpo, i giovani prediligono il piercing all’ombelico (navel), il septum ed il nostril alla narice.
Di seguito l’articolo di romatoday.it che indica le necessarie misure di sicurezza per tatuaggi e piercing in periodo di covid: https://www.romatoday.it/politica/tatuaggi-piercing-vietati-under-14-legge-lazio.html

  • 127 views
  • 0 Comment