Capezzolo introflesso, risolvere con un piercing

29 Aprile 2022Category : News

Capezzolo introflesso, risolvere con un piercing

Tra i piercing più richiesti del momento troviamo quello al CAPEZZOLO, per risolvere la problematica del capezzolo introflesso è infatti consigliato dai medici anche ricorrere alla pratica del piercing solo ovviamente presso di studi di professionisti accreditati.

Normalmente non viene eseguito da tutti i piercer poiché è una zona molto delicata, all’inizio si inserisce un orecchino più lungo per limitare il gonfiore, dopo 15 giorni si può sostituire o eventualmente portare la barretta a “misura” accorciandone l’eccesso.

capezzolo introflesso

Tra le problematiche più comuni riscontriamo quella relativa alla cosiddetta “incarcerazione”; laddove l’orecchino dovesse essere troppo lungo è possibile che venga inglobato dalla cute, motivo per il quale dopo una prima fase di sgonfiamento va sostituito o accorciato

Quando ci si rivolge a studi professionali, le problematiche risultano molto rare, questo teniamo a ricordarlo. Fondamentale lasciare la zona non sollecitata, dunque non “giocare” con il piercing per evitare eventuali complicazioni.

Il capezzolo introflesso, o “cieco” è uno dei motivi per i quali si decide di praticare un piercing.
Il risultato, eseguendo un piercing al capezzolo, è visibile immediatamente: il piercing si può anche togliere dopo alcuni mesi e nel 95% dei casi il capezzolo rimarrà estroflesso.
E’ chiaro che data la delicatezza della zona sia fondamentale rivolgersi a professionisti del settore che abbiano conseguito le qualifiche necessarie all’esercizio della professione: mettersi in mano a degli abusivi, che non sono in grado di garantire l’applicazione di tutte le normative igienico-sanitarie può essere un grave rischio per la salute.
Solo a Roma, a fronte di 1200 studi autorizzati, si stima la presenza di circa 30.000 abusivi.
Al Tribal Tattoo Studio, primo studio di tatuaggi e piercing a Roma nord, Marco Manzo esegue questa tipologia di piercing  nella massima sicurezza da circa 30 anni, ed è docente di igiene e sicurezza sul lavoro e tecnica di tatuaggio e piercing nei corsi professionali necessari per l’esercizio dell’attività sin dalla loro istituzione.
Si possono introdurre anche monili con palline molto piccole, per chi non fosse amante del piercing vistoso.
Tutti i gioielli utilizzati al Tribal Tattoo Studio sono biocompatibili e di materiali   della migliore qualità (acciaio chirurgico, titanio, teflon, bioplastica), nel rispetto della normativa UNI EN 1811:2011.

Per conoscere tutte le norme igienico-sanitarie applicate al Tribal Tattoo Studio, puoi visitare il nostro sito.

Allergie ai metalli: il nostro studio esegue la pratica del piercing in qualsiasi zona del corpo ricorrendo e utilizzando sempre materiali anallergici quali acciaio chirurgico di grado medicale, titanio, bioplastica, conformi alle norme europee. Per approfondire l’argomento vi invitiamo a leggere questo articolo.

  • 106 views
  • 0 Comment